Toru Takemitsu

12 Songs

Se qualcuno vi chiedesse quali sono le più belle trascrizioni per chitarra di celebri canzoni non abbiate timore a rispondere: quelle di Toru Takemitsu!

Tra i più interessanti ed eseguiti compositori  del secolo passato Toru Takemitsu ha scritto bene e molto per la chitarra. Nato nel 1930 a Tokyo, diventerà musicista di fama internazionale, la sua produzione ricchissima e variegata spazierà dalla musica solistica a ensemble spesso inusuali, dalla musica per orchestra alle colonne sonore. Di quest’ultimo genere mi piace ricordare il film “Ran” del grande regista giapponese Akira Kurosawa, partitura premiata nel 1987 con il Los Angeles Film Critics Award.

Queste 12 songs, scritte nel 1977,  rappresentano il lato più “leggero” della sua produzione chitarristica. Definì la chitarra uno strumento “semplice, ma grandioso” e la utilizzerà spesso sia come colore in ensembles, sia dedicandole pagine preziose e raffinate come strumento solista.

Summertyme, Over the raibow, solo per ricordarne alcune, insieme a Yesterday, Michelle, Hey Jude e Here there and everywhere  dei “The Fabulous Foursome” fanno di questa raccolta un’esperienza unica per l’interprete che non vi farà rimpiangere gli originali.

L’abilità nell’impreziosire la melodia senza sovraccaricarla di accademiche armonie è stupefacente. Ascoltare queste songs è un po’ come rivedere in lontananza un paesaggio conosciuto attraverso dolcissimi e rarefatti filtri armonici immersi in un’atmosfera sempre in bilico tra occidente e oriente. La maestria di Takemitsu nella ricerca di un suono, un colore, un’ atmosfera  che esalti alcune sfumature con tocco discreto e, a volte, malinconico sono una chiave di lettura di quest’opera.

T

a

k

e

m

i

t

s

u

claudio tumeo, guitarist